Magari ne avete sentito parlare da amici più esperti, o avete intravisto il termine in qualche forum Android su quale fosse il procedimento più corretto. Ma alla fine che cos’è il rooting? Per rispondere a questa domanda in modo esauriente, questa guida vi spiegherà tutto ciò che ogni proprietario di un dispositivo Android dovrebbe essere a conoscenza.

Android root rootare rooting Cosa significa rootare, rooting e permessi root

Cos’è il rooting?

All’interno del proprio dispositivo, non tutte le impostazioni sono accessibili da parte degli utenti, poiché non possiede i “permessi necessari”. Per poter avere davvero piena autonomia del proprio smartphone e modificare qualsiasi impostazione interna a piacimento, esiste il rooting, sebbene questo procedimento non sia strettamente necessario per l’utilizzo del proprio device Android. Certamente, ha alcuni vantaggi, ma esiste il rovescio della medaglia.

Vantaggi del rooting

Una volta ottenuti i permessi root del proprio smartphone Android, oltre ad avere accesso a tutte le impostazioni e gestioni interne, si può usufruire di speciali applicazioni come AdFree Android, per avere molta meno pubblicità invasiva, oppure Volume+ che porta dei miglioramenti al suono in uscita del dispositivo o ancora Titanium Backup per la copia dei propri dati personali.
Gli aspetti più remunerativi tuttavia, senza dubbio restano la possibilità di aumentare l’autonomia del proprio smartphone, avere maggiore controllo sullo spazio utilizzato aumentare la velocità.

Svantaggi del rooting

Una volta sbloccati questi permessi speciali, è anche vero che il proprio dispositivo non sarà più come era all’inizio e questo comporta la mancanza della garanzia originale, dal momento che è stato modificato rispetto al momento dell’acquisto. Ad ogni modo, nella maggioranza dei casi è possibile invertire il processo e farlo tornare come nuovo, risultando identico allo status precedente.

Raccomandazioni generali per il rooting

A seconda del proprio modello di smartphone android, il processo può essere più o meno complicato ma, in ogni caso, è sempre meglio avere una certa dimestichezza nel campo o farsi aiutare da qualcuno che ne sa a sufficienza. In alternativa è sempre possibile trovare delle procedure con tanto di istruzioni chiare, anche per coloro che magari non sono troppo pratici.
Soprattutto prima di mettersi all’opera, ricordatevi di controllare in particolar modo la batteria (per evitare che si spenga nel bel mezzo di un passaggio) e che abbiate eseguito il Backup delle informazioni (così se qualcosa andrà storto non perderete i vostri dati).